ALIA – Giunta alla sua II edizione, “Historia della Baronessa Donna Francesca Cifuentes Imbarbara et  investitura” rappresenta per il Comune di Alia un momento di riscoperta delle proprie radici e di attrazione turistica. La protagonista difatti, impersonata da Triestina Falletta, lo scorso anno ha rappresentato il paese in eventi di grande rilievo regionale, quali l’elezione della Castellana di Caccamo e la sagra del ficodindia di Roccapalumba. Il corteo storico, che domenica 8 si muoverà da Via Montemaggiore, ripercorre la vicenda della baronessa Francesca Cifuentes Imbarbar. Sposa del marchese di Santa Croce Pietro Celestri, rese esecutoria la licentia populandi che il 7 marzo 1615 il marito, pagando un contributo di 100-400 onze, aveva ottenuto dal re Filippo III per la costituzione del feudo di Lalia, ma che non poté attuare a causa della fine dei suoi giorni. Un modo dunque per ripercorrere un pezzo di storia locale importantissimo. Alla manifestazione prendereanno parte i comuni di Altavilla Milicia, Baucina, Ventimiglia di Sicilia, Roccapalumba, Valledolmo e Niscemi, che nello stesso decennio (1615-1625) ottennero la licentia populandi, e Castronovo di Sicilia, Caltavuturo, Caccamo, Lercara Friddi e Vicari i quali, avendo già in quel periodo una loro vita e un loro sviluppo, e trovandosi a debita distanza dal territorio di Alia, diedero al sovrano tutte le garanzie per la fondazione del nuovo borgo. Ciascuno di loro sarà rappresentato da una coppia di nobili, preceduti dal gonfaloniere e dagli sbandieratori dell’Associazione Culturale Antica Compagnia dell’Etna San Gregorio di Catania che apriranno la parata. L’epilogo conclusivo sarà l’incontro con il Protonotaro del Viceré di Sicilia, Emanuele Filiberto di Savoia che,  in data 10 ottobre 1623, rese esecutoria la licentia populandi in favore della baronessa.  “La manifestazione – spiegano l’assessore ai beni culturali Antonino La Mendola e il sindaco Francesco Todaro- ha la finalità di riscoprire l’identità storica di questa terra attraverso un excursus nel tempo in cui rappresentazione, monumenti e bellezze naturali si fondono all’unisono, arricchiti dalla spettacolarizzazione e dalle musicalità quali espressioni peculiari di rievocazione storica e di rilancio culturale di questa cittadina. La rievocazione si caratterizzerà per ricchezza di particolari espressioni teatrali, affidate alla narrazione, alla danza, alla pantomima, ai quadri storici ed alla musica, offrendo al pubblico un susseguirsi di momenti di intenso spettacolo e di cerimoniosità in costume d’epoca.” Di seguito il programma nel dettaglio:

Ore 11:00 – Apertura della manifestazione con l’esibizione per le vie del paese degli sbandieratori
dell’Antica Compagnia dell’Etna San Gregorio di Catania

Ore 18:00 – Via Montemaggiore (Scuola Elementare) – Partenza Corteo storico

Ore 20:00 – Via Garibaldi – Conclusione del corteo storico ed investitura della   Baronessa Donna  Francesca Cifuentes Imbarbara

Ore 21:30 – Piazzetta Garibaldi – Degustazione prodotti tipici locali