CAMMARATA – Il Casteltermini espugna lo stadio comunale “Vito Di Marco” di Cammarata con il più classico dei risultati: 2-0. Tempi duri in casa Kamarat, penultimo in classifica e in crisi di risultati in campionato dopo dodici giornate. Lo storico derby agrigentino è andato, dunque, ad una formazione granata davvero corsara e più compatta. La squadra di Renato Maggio è arrivata a questa sfida forte del pass ai quarti di finale di Coppa Italia Promozione a spese del Misilmeri, tuttavia sono stati costretti nuovamente a segnare il passo e adesso la classifica comincia a farsi preoccupante. Anche il calendario non è un alleato dei biancoazzurri, impegnati ogni tre giorni per recuperi di campionato, juniores e coppa. La squadra, comunque, all’apertura della sessione invernale del calciomercato, potrebbe essere rinforzata secondo le richieste del tecnico Renato Maggio, ieri visibilmente deluso a fine partita.

Normale equilibrio in un primo tempo senza troppi sussulti degni di cronaca. Schembri, portiere del Kamarat, amministra bene alcune situazioni e stoppa i tentativi di Totò Valenti, Noto e Moscato. I padroni di casa, invece, preferiscono attendere per poi ripartire. Per necessità di formazione, mister Maggio è stato costretto a schierare il fantasista Vaccaro al centro della difesa per una carenza di difensori centrali. I goal e le emozioni giungono nella ripresa. Il Casteltermini alza il proprio baricentro, ma è il Kamarat ad avere la prima chance del secondo tempo: al 57’, infatti, la punizione dalla destra di Di Marco è insidiosa, attraversa una selva di gambe e viene sventata da Moscato sulla linea di porta. Quattro minuti più tardi ecco il vantaggio dei granata con un gran goal direttamente su calcio di punizione di Alba da posizione defilata: pallone che bacia il sette prima di depositarsi dentro il sacco per l’1-0 ospite.

Reazione fiacca e poco convinta dei padroni di casa che non concludono quasi mai verso lo specchio della porta, se non in una sola occasione con Vaccaro al 67’: botta da fuori rasoterra, Priolo non trattiene e sulla ribattuta arriva De Luca che spara da posizione angolatissima, il pallone attraversa la linea di porta e si perde sul fondo. Casteltermini a quel punto sciupone: Piazza su punizione chiama i riflessi di Schembri che manda in angolo, mentre Musumeci a tu per tu spara clamorosamente fuori. Gli ospiti trovano il raddoppio al 79’. Cross al bacio dalla sinistra di Piazza, sfera al centro per Totò Valenti che con il piattone fulmina l’estremo difensore biancoazzurro. E’ la rete che cala il sipario a Cammarata: i granata di Vecchio vincono 2-0 e rimangono nei piani alti della classifica. Per il Kamarat è un kappaò che fa male per come è maturato. I ragazzi di Renato Maggio non avranno nemmeno il tempo di respirare: mercoledì 28 c’è il recupero di campionato a Villabate, mentre domenica 2 dicembre sarà trasferta a Castellammare del Golfo contro il Balestrate.

IL TABELLINO DELLA PARTITA:
KAMARAT 0
CASTELTERMINI 2
RETI: 61’ Alba, 79’ S. Valenti.
KAMARAT: Schembri, Como, Di Marco, Milioto, D. Mangiapane, Antinoro (16’ ST Traina), De Luca, Bellomo, Lio, Vaccaro, Savarino. All.: Maggio.
CASTELTERMINI: Priolo, Vaccaro, Scalisi, Ferraro (41’ ST G. Valenti), Moscato, Alba, Noto (6’ ST De Marco), Cusumano, S. Valenti, Saccà (6’ ST Piazza), Spinello (21’ ST Musumeci). All.: Vecchio.
ARBITRO: Averna della sezione di Caltanissetta.