CAMMARATA – Siamo giunti alla conclusione: la Signora Melina, grazie alle sue parole in rima, ci ha raccontato le avventure dell’Impavida Decina, un gruppo di escursionisti alle prese con passeggiate, riflessioni e tanti pic-nic che portano allegria e buon umore.
E’ con questi ultimi versi che ci invita a riflettere su come è cambiato il mondo, le abitudini e i modi di vivere.

Buona lettura.

OTTOBRE 2015
Azzizzati e mintiti bona e un annu già passà,
nuavutri siammu arria na dozzina e la muntagna è ancora idda.

E siccuamu la nostra è na bella squatra perseveranti
partiammu pi la muntagna cu impegnu tutti quanti.

Li primi di ottobri doppu na bella chiuvuta duciduci
ni iammu cu tantu entusiasmu a circari vavaluci.

Vautri forsi vi dumannati “ma tu si felici di fallu?”
e io in tutta onestà vi dicu ca adoru la muntagna e lu ballu,

e siccuamu pi ballari ci voli l’autra mità
preferisciu la muntagna e mi siantu in libertà.

Idda mi avvolgi cu li vrazza e na delicata brezza
ca lu profumu di lu sottoboscu pi mia è na carezza.

Io pi quantu mi riguarda, comu a tutti l’autri,
lu sacchitiaddu lu purtammu sempri cu nuavutri.

Cu la spiranza di arrigirallu sempri chinu
pì na soddisfazione personali e pua vivini un bellu bicchieri di vinu.

LONTANI RICORDI
Se chiudo gli occhi vedo una bambina lentigginosa con la coda di cavallo e un vestitino blu a palline bianche, ricavate dal pacco arrivato dall’America.
Ero molto timida e arrossivo anche solo se qualcuno mi salutava,
ricordo le belle scorazzate per i campi, visti che abitavamo fuori paese (la nonna diceva sempre dove ha perso le scarpe Gesù).
Non potevamo allontanarci più di tanto, la mamma non ce lo permetteva, ma qualche volta ci scappava anche un “sì”: e manu manuzzi con le mie sorelle andavamo a raccogliere i panuzzi, cioè le bacche della malva che a me piacevano tanto.
E poi le lunghe giocate alla fossetta con le nocciole, era uno spasso: spesso ci divertivamo anche a rincorrere le anatre e le galline che tenevamo fuori nel capanno.
Per non parlare di quando la mamma e la nonna Carmela, nel periodo natalizio preparavano i dolci, come i pizzarruna ripieni di fichi aromatizzati con la buccia di mandarino e cannella, e le gustose paste bianche ripiene di pasta di mandorle, pistacchi e canditi; quella glassa di zucchero e limone che ci facevano preparare a noi bambini che ogni tanto assaggiavamo attingendo dalla ciotola con un dito, era il massimo.
Mentre loro sfornavano tutti quei dolci profumati alla faniglia, e quando erano tiepidi spalmavamo su la glassa, (dei nonni quanti bei ricordi).
Non eravamo ricchi anche se il necessario non ci mancava,
e i nostri giocattoli erano le pupe di pezza ripiene di crusca che ci faceva la mamma, e con ago e filo ricamava gli occhi, il naso e la bocca, poi con la lana ricostruiva i capelli.
Altri tempi, ma noi eravamo felici lo stesso specialmente quando sentivamo la mamma qualche motivetto come “Bellezza in bicicletta” “Vola colomba”.
Oggi le mamme non cantano più, troppo prese da internet, e i loro bambini passano tutto il loro tempo, anche a tavola, con lo smartphone sempre tra le mani.

12243639_10206675930915776_414167637_nSVEGLIA DEL GALLO
Il gallo ha già cantato “smettila di dormire!”,
lo zaino è preparato, è ora di partire!

Infila gli scarponi e prepara i tuoi polmoni,
l’ebrezza di quest’aria respirare,
questa è la vita ideale che tutto fa dimenticare.

Di qua, di là, mentre si va, si va per il sentiero,
che porta in cima al monte
ci troverem di fronte al sol che nascerà.

E ora pi chiuiri e avirivi annoiatu chiadu scusa,
faciammu un bellu brindisi a cu lèggiri piaci e nun restà delusa.

Era na viti e fici la racina
ca doppu vinnignata e pistata jì a finiri in cantina,

aspittannu la fermentazioni
pi pua a san Martinu
fari na bella degustazioni;

cchiù sta a lu friscu cchiù buanu addiventa,
pi pua purtallu ni sta bella mensa
ca si vivutu chianu chianu
macari ti la duna na manu.

E si pua lu bicchiari tu lu vidi mezzu chinu
ti aiuta ad affrontati miagliu lu destinu.

E ora ca assai mi sugnu prolungata
lu brindisi lu fazzu alla nostra brigata!

Melina