Scatto di un derby Kamarat-Gemini giocato in Eccellenza nella stagione 2014/2015.

CAMMARATA/SAN GIOVANNI GEMINI – Manca sempre meno all’inizio ufficiale della nuova stagione sportiva 2022/2023. Tanti i buoni propositi per l’avventura che verrà. A San Giovanni Gemini e Cammarata le società di calcio sono già al lavoro da settimane per pianificare il nuovo percorso con tranquillità e con le giuste tempistiche. Se da un lato i biancorossi del Gemini hanno ottenuto meritatamente l’accesso al prossimo campionato di Promozione, dall’altro in casa Kamarat – dopo la retrocessione in Prima Categoria dello scorso mese di Maggio – resta da capire se la domanda di ripescaggio in Promozione porterà agli esiti sperati. Percentuali ad oggi abbastanza alte per i biancoazzurri, che hanno da poco festeggiato il cinquantesimo anno di attività calcistica e che in graduatoria vantano obiettivamente un buon punteggio. Se il ripescaggio dovesse andare in porto, allora sarà derby della Montagna in Promozione: l’ultimo andò in scena addirittura sei anni fa in Eccellenza (era la Primavera del 2015), mentre in Promozione – pensate bene – da Maggio 2006. Questo dato potrebbe essere ben presto riaggiornato. Derby significa passione ed entusiasmo, due componenti forse finalmente ritrovati nei due comuni montani.

QUI GEMINI – Il 25 Luglio è iniziata ufficialmente la nuova stagione agonistica dei biancorossi. La prima grande riconferma non poteva che arrivare dalla panchina. Renato Maggio, artefice della grande impresa al suo primo anno in biancorosso, guiderà naturalmente la formazione di San Giovanni Gemini anche quest’anno tra mille buoni propositi. Entusiasmo e obiettivi abbastanza chiari: disputare un campionato dignitoso e portare il Gemini alla salvezza, valorizzando al contempo la linea verde. L’ossatura della scorsa stagione è stata riconfermata per lunghi tratti: Messineo, Mangiapane, Lio, Forestieri, Ilardi, Corso, Longo, Reina, Di Piazza e Petruzzella hanno deciso di risposare il progetto. La prima bomba di mercato è stata sganciata la scorsa settimana mediante l’ufficializzazione di Totò Scillufo, attaccante e fantasista palermitano reduce dalla grandiosa stagione con l’Aspra culminata con una promozione a suon di reti. Un gran colpo che garantisce esperienza, fantasia e goal al tecnico Renato Maggio (nella foto a destra). La società capitanata dal presidente Luigi La Tona potrebbe riservare qualche altro colpo da 90 da regalare ai propri tifosi, in modo da tassellare per bene il mosaico del trainer biancorosso, uno che conosce benissimo il torneo di Promozione. La squadra è già al lavoro sotto le sue direttive e ben presto bisognerà riavere l’agibilità e la fruibilità massimale dello stadio “Nino Lo Bue” in vista del prossimo campionato. La dirigenza vorrebbe certamente evitare di emigrare altrove per poter disputare le sue sfide casalinghe, un po’ come è accaduto l’anno scorso durante gli spareggi play-off.

QUI KAMARAT – Macchina organizzativa riaccesa da tempo anche in casa biancoazzurra. La scorsa settimana l’ambiente cammaratese ha festeggiato i suoi primi 50 anni di attività calcistica. Una lunga storia che l’attuale dirigenza vuole onorare e portare sempre in alto. Ecco perché lo scorso 13 Luglio la società biancoazzurra ha deciso all’unanimità di presentare alla Lega Sicula regolare domanda di ripescaggio per l’ammissione al prossimo campionato di Promozione. C’è grande voglia di riscatto: l’ultima stagione è da dimenticare in fretta. Quella retrocessione dopo i play-out, comunque, non ha frenato la passione dei soci e la volontà di riprendere il volo. Gli addetti ai lavori si sono mobilitati per rifare il look al manto erboso dello stadio “Vito Di Marco” di Cammarata. Questo è il primo passo. La dirigenza è in attesa di conoscere il verdetto della domanda di ripescaggio (che potrebbe arrivare nella prima decade di Agosto) e al contempo freme per poter disputare il grande derby della Montagna in Promozione contro i cugini del Gemini. Evento che darebbe lustro ed entusiasmo alle nostre comunità dal punto di vista sportivo. Per quanto riguarda le vicende tecniche si lavora sottotraccia in attesa di capire quale campionato il Kamarat dovrà affrontare. Mimmo Bellomo non sarà più l’allenatore dei biancoazzurri. Sfumata l’impresa salvezza tra mille difficoltà anche di natura personale, l’esperto tecnico palermitano si è accordato con il Partinicaudace. Al suo posto ecco una “giovane promessa”. Si tratta di Francesco Fanara, reduce dall’esperienza positiva con l’Atletico Favara in Prima Categoria nel ruolo di allenatore/giocatore, col quale ha raggiunto una finalissima play-off persa proprio contro il Gemini. Un profilo giovanissimo capace di lavorare benissimo con la linea verde, nonchè grande conoscitore della categoria. Si muove qualcosa anche sul fronte dei riconfermati e dei nuovi acquisti. La prima new entry è un graditissimo ritorno: a Cammarata riecco il jolly difensivo Andrea Scrudato (nella foto a destra), classe 1987. Già sotto la Montagna da assoluto protagonista in passato, Scrudato porterà un carico di esperienza alla squadra che lo ha consacrato in Eccellenza a partire dal 2006. Riconfermati Pennino, Nocera e Margagliotta. E le grandi novità potrebbero essere dietro l’angolo.