Lercara Friddi, Coronavirus: restrizioni ancora più forti

Comunicato importante - Massima Diffusione

Dobbiamo prima di tutto pensare al bene della comunità e alla salute pubblica che è il primo bene tutelato anche dalla costituzione. Questa è la settimana nella quale si aspetta il picco dei contagi, stiamo attenti, rispettiamo le regole e rispettiamo noi stessi e gli altri. #UnitiVinceremo

Posted by Luciano Marino - Sindaco on Wednesday, March 18, 2020

LERCARA FRIDDI – Misure ancora più restrittive per contrastare appieno il fenomeno Coronavirus. Il Sindaco Luciano Marino, nella giornata di oggi, ha emanato delle nuove restrizioni che tutti i commercianti e tutti i cittadini dovranno rispettare fino a nuova comunicazione. L’ordinanza firmata dal primo cittadino prevede che tutti i negozi di generi alimentari (supermercati, macellerie, panifici, ortofrutta) dovranno lavorare a porte chiuse svolgendo consegne a domicilio o consentendo il ritiro della spesa in negozio ma già preordinata al telefono dal cliente.

Stesso discorso per il venditore ambulante che non potrà sostare, ma potrà lavorare solamente a domicilio. “Per quanto riguarda tutte le altre attività – spiega il Sindaco Marino – il proprietario dovrà rendersi reperibile per i casi di emergenza. Sono fortemente consapevole che queste misure ancora più restrittive potranno creare ulteriore disagio, tuttavia abbiamo il bisogno di stare uniti e allo stesso tempo vicini. Dobbiamo evitare le occasioni di contagio ed uscire il meno possibile di casa. Voglio ringraziare commercianti ed esercenti per aver sposato questa causa”.

Il primo cittadino ne approfitta per stringersi attorno alla vicina comunità di Vicari, luogo nel quale si è verificato il primo episodio di contagio da COVID-19. “Voglio rivolgere a loro un caloroso abbraccio”. Poi ha aggiunto: “Ringrazio i cittadini di Lercara Friddi per la responsabilità e per il senso civico. Non tutti però si sono attenuti alla regole, per cui è stato necessario stringere ancora di più i ranghi e applicare questa nuova ordinanza. Questo è il momento dell’unità, tutti insieme possiamo farcela. Faccio gli auguri a chi si sta per laureare via Skype: nonostante tutto sarà un momento per loro indimenticabile”.