MONTI SICANI – E’ arrivata ufficialmente l’estate nell’entroterra montano così come su gran parte delle regioni del Sud. Quasi a sorpresa ed in maniera del tutto veloce e repentina: lo scenario è completamente cambiato nel giro di pochissimi giorni. Il nostro Paese è attualmente invaso dall’anticiclone africano che sta prendendo sempre più il possesso della nostra Penisola con il suo carico afoso e stabile, ricco di aria rovente. Non ricordiamo un inizio di giugno così caldo, tra l’altro gli esperti meteo confermano che le temperature sono ancora in aumento. Il caldo, insomma, non si ferma più e continuerà a colpire anche nel corso di questa settimana con punte fino ai 37 gradi nelle ore più centrali del giorno. Il fronte di alta pressione ha contraddistinto l’ultimo fine settimana, ideale per il primo vero bagno in mare. La situazione potrebbe complicarsi tra giovedì 13 e venerdì 14 giugno, quando l’anticiclone di matrice africana prenderà ulteriormente vigore su gran parte dell’Italia, generando caldo a tratti afoso e insopportabile.

I meteorologi affermano che giugno sarà tipicamente “africano”: il mese proseguirà sotto l’influsso dell’anticiclone che piloterà una fiammata di caldo direttamente dal deserto senza precedenti per l’attuale periodo. Avremo stabilità atmosferica con tanto sole da Nord a Sud, con valori massimi in forte aumento e punte al di sopra delle medie stagionali. Nel corso della prossima settimana, quindi, il giorno più caldo dovrebbe essere certamente venerdì 14: sono attesi anche i 40 gradi. L’avvio settimana, invece, si manterrà stazionario (massime sui 34-35 gradi) fino a giovedì 13 giugno. I venti soffieranno deboli con intensità massima di 13 gradi. Anche le ore serali saranno contraddistinte dall’aria pesante e afosa. L’estate 2019, dunque, ha deciso di scaldare i motori fin da subito: via libera alle classiche abbronzature, ai bagni al mare e alle prime escursioni sulle montagne.