MONTI SICANI – La stagione primaverile, soprattutto nella prima parte, spesso si rivela assai dinamica e movimentata, instabile e ricca di sorprese dietro l’angolo. Insomma, sempre pronta a proporci cambiamenti improvvisi e rovesciamenti di fronte da un punto di vista climatico e meteorologico. Dopo un fine settimana stabile e troppo caldo per l’attuale periodo, le condizioni rimarranno analoghe tra oggi e domani, martedì 26 marzo, ma a metà settimana è atteso un nuovo “ribaltone”. Lo spostamento dell’alta pressione verso l’Europa settentrionale, provocherà l’ingresso di un fronte di bassa pressione che ci riporterà in un contesto più freddo e perturbato. Una vera e propria irruzione di aria polare che farà crollare le temperature. 

Eppure la prima parte della settimana non farà registrare “scossoni”. Il peggioramento viene segnalato a partire da mercoledì 27 marzo, quando si rinforzeranno i freddi venti di Bora con i primi temporali e locali grandinate. Nella notte avremo forte maltempo al Sud ed in generale sulla Sicilia con rovesci anche di forte intensità. Anche le temperature faranno registrare un lento declino: le massime, dai 18-20 gradi, scenderanno fino ai 9-10. Stazionarie, invece, le minime: 5-6 gradi. L’inizio di settimana garantirà venti perlopiù deboli o moderati. Tuttavia, lo scenario è destinato a mutare nuovamente come già accaduto nel corso di questa “pazza” stagione. Da giovedì 28 a domenica 31 marzo, infatti, si scatenerà l’alta pressione che salirà dal Marocco verso la Penisola. 

Sul nostro Paese, dunque, riavremo giornate piacevoli, calde e soleggiate, con un clima piuttosto mite e con i valori termici che si porteranno fino ai 24-25 gradi. Questa “riscossa” della Primavera resisterà da Nord a Sud almeno fino al prossimo fine settimana (30 e 31 marzo), con il sole splendente assoluto protagonista a garanzia di giornate dal sapore primaverile. Anche il prossimo weekend, quindi, si preannuncia ancora nel segno del bel tempo e della stabilità. Con l’arrivo del mese di aprile, però, bisognerà fare attenzione perché la situazione potrebbe cambiare ancora una volta: gli esperti meteo confermano che piogge, temporali e valori termici in ribasso potrebbero condizionare non poco gran parte del mese.