BIVONA – Con DDG 7711 dell’Assessorato Regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale è stata pubblicata la graduatoria definitiva delle nuove 7 fondazioni ITS (Istruzione Tecnica Superiore) in Sicilia che si aggiungeranno alle 5 già esistenti. Grazie al progetto presentato dall’IISS Luigi Pirandello di Bivona nascerà nel territorio dei Sicani una fondazione d’istruzione tecnica superiore nel settore delle nuove tecnologie per il Made in Italy agroalimentare. Si chiamerà “Istituto Tecnico Superiore per l’agricoltura e l’alimentazione Sicani”.

Un traguardo importante quello raggiunto – dice il Dirigente Scolastico Prof.ssa Giovanna Bubello – raggiunto anche grazie alla lungimiranza e alle scelte operate dall’Assessorato all’Istruzione e alla Formazione Professionale guidato dal professore Lagalla che ha avuto tanta attenzione per questo territorio promuovendo un polo di eccellenza formativa nel territorio dei Sicani.

Gli ITS per l’alta formazione sono le prime esperienze italiane di offerta formativa terziaria professionalizzante, verranno offerte ai giovani competenze specialistiche (con il riconoscimento di crediti formativi universitari) ed un’opportunità di preparazione al lavoro al fine di immettersi nel mercato del lavoro laddove davvero c’è bisogno.

La proposta progettuale presentata dall’Istituto d’Istruzione Luigi Pirandello – afferma il Sindaco di Bivona, Milko Cinà – che ha visto il Comune di Bivona tra i promotori insieme a molte imprese del territorio, all’Università degli Studi di Palermo (Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali) ed altri attori del territorio ci vede orgogliosamente al primo posto (18 sono state le proposte presentate) e questo è stato possibile grazie allo straordinario lavoro del gruppo di progetto senza il quale oggi non staremmo a parlare di ITS nel nostro territorio. L’Istituto Tecnico Superiore per l’agricoltura e l’alimentazione “Sicani”, con sede a Bivona, garantirà ai giovani diplomati un’alta formazione tecnica pari alla preparazione universitaria nel settore dell’agroalimentare attraverso corsi biennali gratuiti e a numero chiuso. 

In questi giorni tutti i soci fondatori della costituenda fondazione (Università degli Studi di Palermo, Fondazione A&S Lima Mancuso, Costa srl, Lotito Sicilia srl, Bonolio sas, Cooperativa Agricola zoot. Tumarrano, Confcommercio imprese per l’Italia di Palermo, associazione Euroform, Corissia ed i Comuni di Bivona e Santo Stefano di Quisquina) stanno deliberando al fine di permettere ai loro legali rappresentanti di andare a costituire nel giro di poche settimane la suddetta fondazione dal notaio. 

La bella notizia è sicuramente la deliberazione di qualche giorno fa del Consiglio di Amministrazione dell’Università degli Studi di Palermo che, quindi, dopo anni di assenza tornerà a Bivona per una nuova avventura formativa.