MONTI SICANI – La seconda settimana del nuovo anno solare si è aperta all’insegna del maltempo, delle piogge e dei venti forti nelle regioni meridionali ed in particolare in Sicilia. Dopo una breve “tregua” tra martedì 15 e mercoledì 16 gennaio, un nuovo fronte perturbato è pronto ad “investire” nuovamente l’Italia, determinando tanta pioggia e anche neve a quote medie, con possibili sorprese e fiocchi fino a bassissima quota.

Come annunciato, l’alta pressione già da domani ci regalerà bel tempo con temperature in leggero aumento. Gli esperti meteo confermano, però, che si tratterà solamente di una brevissima pausa di 24-36 ore, perché successivamente la nostra Penisola sarà investita da un flusso perturbato e relativamente freddo in arrivo dal Nord Atlantico. Farà il suo ingresso sul bacino del Mediterraneo facendo peggiorare in un sol colpo le condizioni meteo dapprima al Sud, poi repentinamente anche al Centro e al Nord.

La bassa pressione in transito richiamerà a sé correnti umide ed instabili da Sud, in grado di innescare così le prime piogge nella giornata di giovedì 17 gennaio su tutto l’arco dei Monti Sicani. E’ prevista tanta pioggia, tuttavia da venerdì in poi il tempo tornerà ad essere perlopiù variabile e saranno escluse altre precipitazioni in vista del weekend del 19-20 gennaio. I valori termici faranno registrare un leggero ma sensibile rialzo.

Le minime potranno alzarsi fino ai 6 gradi, mentre le massime si porteranno fino ai 10 gradi. Durante la notte, specie tra martedì e mercoledì, le colonnine di mercurio si porteranno al di sotto dello zero (fino ai -2), generando gelate nel primo mattino. Uno sguardo anche ai venti: soffieranno forti nella prima parte della settimana, sfiorando anche i 48-50 km/h; intensità che si attenuerà nella seconda parte (10-15 km/h) nel quale il maltempo si sposterà al Nord.