CEFALA DIANA – Oggi, presso il campo base “Kefala”, a Cefala Diana (PA) , si è svolto un pacifico sit-in di protesta sui disagi della strada statale Palermo – Agrigento.
Erano presenti le imprese e gli operai locali, i quali insieme ai sindaci di Lercara Friddi, Vicari, Roccapalumba e Villafrati hanno avuto un confronto con i vertici di Cmc, azienda che ha già presentato istanza di fallimento al tribunale di Ravenna. Quest’ultima ha chiesto un concordato per la situazione debitoria in essere.
Non si vede una soluzione al problema, per altro gli imprenditori locali vantano crediti verso la scpa bolognetta per milioni di euro. Così non si pagano da mesi dipendenti e fornitori, già sul piede di guerra e pronti ad azioni forti in stile gillet gialli.
É stata messa in ginocchio l’economia di un intero territorio, tutto l’indotto soffre questa crisi e i comuni si vedono sempre più in difficoltà visto l’oggettivo impedimento logistico ad essere raggiunti.
Bisogna risolvere – ha dichiarato Luciano Marino, sindaco di Lercara Friddi – i problemi  veri e fare meno passerelle, la politica e le istituzioni salvino un territorio che hanno impoverito e distrutto “.