SAN GIOVANNI GEMINI – Continua l’appuntamento con le avventure dell’Impavida Decina.
Questa volta la Signora Melina ci racconta di passeggiate lungo i sentieri del Monte Cammarata e di pomeriggi uggiosi passati a condividere una tazza di caffè e quattro “chiacchiere” tra amiche.

Buona lettura!

SETTI FRIVARU

Lu setti di frivaru,
lu gruppu muntanaru;

si riunisci in casa di Adeli,
pi mangiari la trippa, li ciciri e la torta di meli;

la patruna di casa è stata eccellenti,
nun ci fici mancari propriu nenti.

C’era pì finu la sangria,
pi rallegrari la cumpagnia.

Tra battute e allusioni,
è stata na bella comunioni.

A la fini di la sirata,
la patruna di casa aggraziata

fici la divisioni di tutta la rimanenza,
pì unni fari iri panza e prisenza.

Ni salutammu cù allegria,
e na bona nuttata a tutta la cumpagnia.

 

LU SOLITU GRUPPU DI SCHIFFARATI

Lu solitu gruppu di schiffarati
parti di serra canali pì li sintiari
ancora vagnati;

pigliannu la salita di piattu,
cù la menti sgombra e lu cori niattu,

parlannu sempri di cosi di mangiari,
scampiannusi pariri e ricetti di imparari,
ma lungi di pinsari a murmuriari.

E quannu finalmenti arrivammu a la cima
finiammu di parlare di cucina,

la scinnuta un pocu stanchi macari,
pinsammu a li sirvizza ca amma fari.

E anchi si la casa pi nuavutri è importanti,
ma la muntagna passa sempri davanti.

SIDICI MARZU

Lu sidici di marzu,
ca lu tiampu facia lu pazzu,

inveci di irininni a caminari,
Mirella ni vonzi invitari.

Cu na bella torta e tantu caffè,
e pi cu lu vulia c’era puru lu tè.

Mentri fora chiuvia a suppa viddanu,
a nuavutri lu tiampu unnì passa invanu

pirchì sfugliammu lu deplianni,
pì scegliri li trucchi pì nun si vidiri l’anni.

La matinata passà comu un razzu,
mentri lu tiampu facia lu pazzu;

chiuiammu infini la matinata cù n’abbracciu
e na bella risata;

Melina12177950_10206569505255201_743862727_n

Martina Chillura e Giuseppe Varsalona