MUSSOMELI – Riceviamo e pubblichiamo la lettera indirizzata ai mussomelesi del candidato a sindaco alle prossime elezioni comunali Rino Genco.

“Cari concittadini,
come ben sapete, Pensare Solidale parteciperà alle prossime elezioni amministrative. Un percorso, il nostro, iniziato nel luglio 2014 e destinato a durare anche dopo le elezioni di primavera. In otto mesi di attività, diverse sono state le iniziative svolte da liberi cittadini, consapevoli che ogni singolo cittadino è responsabile della vita del paese. Il momento per la nostra comunità è tra i più difficili degli ultimi cinquant’anni. Non abbiamo la presunzione o l’arroganza di condannare ed individuare colpevoli del declino del nostro paese.
rino-gencoCi conosciamo tutti e conosciamo la storia politica e sociale di tutti. Le valutazioni i cittadini le faranno alle urne con la matita. La matita è più potente di un bazuca.
Accolgo la proposta dei componenti di Pensare Solidale a candidarmi a sindaco, perché credo ancora in Mussomeli, credo nel gruppo che mi sostiene ed in voi concittadini, credo nelle enormi potenzialità dei tesori ambientali, culturali ed umani che sono a Mussomeli. Tenuti nascosti fin ora, ma tirati fuori sono linfa e motore per la ripresa economica del paese e dei suoi comparti produttivi, cioè commercio, artigianato, turismo, agricoltura ed edilizia.
Siamo consapevoli che le finanze del comune sono in cattive acque, la nostra politica economica si basa sull’economia civile, i cittadini non sono numeri da spremere, ma hanno la loro dignità umana con diritti e doveri; diritto ad avere servizi giusti ed equi; dovere di farsi carico della partecipazione al benessere dell’intera comunità.
Una comunità forte, lo è tanto quanto si crede e si investe sulle politiche giovanili, sociali e di tutela delle fasce più deboli. Ciò non è la solita retorica, la mia storia personale lo dimostra, ma una seria ed attenta analisi della nostra società civile che ci porta ad intervenire con fermezza e decisione in questi settori. Diamo il meglio per il nostro paese, senza interessi personali, ma con l’unico interesse che la parola futuro possa essere gridata da tutti.
Mi permetto di consigliare di non credere a chi si professa di avere “sponsor politici” da mostrare e farsi mostrare ai soli fini elettorali. Per mantenere l’ordinaria amministrazione del nostro ente ci vuole amore del paese, spirito di sacrificio e buona volontà.
Per i grandi progetti, invece, ci vuole studio e progettualità, Mussomeli non può continuare a vivere di emergenze, ma di programmazione, al fine di non disperdere risorse rischiando delle vere e proprie cattedrali nel deserto ed illusioni. Anche noi abbiamo chi ci collabora da Roma, per noi non sono sponsor, ma collaboratori per progetti concreti per la comunità. Anche questo è sinonimo di dedizione al dovere e spirito di servizio nell’umiltà di capire che ognuno deve fare la sua parte in politica e nelle istituzioni.
Rino Genco”