Kamarat, l’importante è crederci!

CAMMARATA- Dopo la sconfitta di domenica contro il Real Isernia per 3-2, che ha ipotecato, almeno per i colori isernini il passaggio del turno, il Kamarat si proietta nell’appuntamento con la storia. La squadra biancazzurra infatti dovrà disputare la gara di ritorno tra le mura amiche degli isernini che sette giorni fa hanno materializzato l’impresa di sbancare il “Salaci” di Cammarata, dove nessuno, tranne il Marsala 1912, ne era riuscito. Gara da dentro o fuori, quindi, quella che vedremo al “Mario Lancellotta”di Isernia dove il Kamarat è chiamato alla grande impresa, difficile ma non impossibile. Doveva essere l’appuntamento storico con un sapore più dolce ma non è stato così perché la squadra del presidente Francesco La Magra dovrà vincere con due reti di scarto, 2-0, 4-2 ecc., mentre in caso di 3-2 si andrà ad oltranza. Vincere per un imperativo, conquistare la finale Nazionale contro la vincitrice di Arzanise e Ebolitana, che una settimana fa, nella gara d’andata, si è conclusa 1-1. Insomma, i biancazzurri dovranno fare una grande gara cercando di segnare un certo numero di gol essenziali per il passaggio del turno, di fronte, come già detto, ci sono i biancazzurri del Real Isernia che vogliono ritornare nei campionati più consoni. Il grande assente di questa delicata sfida è il fantasista Gioacchino Privitera che nella gara di sette giorni fa è stato espulso, e quindi salterà due gare. Il giocatore biancazzurro esprime la sua rabbia nell’espulsione dicendo che – “ E’ stata incredibile la mia espulsione. Il loro capitano ha dialogato con l’arbitro e successivamente ha estratto il rosso diretto. Poi lui stesso si domanda come si può espellere un giocatore su segnalazione di un altro? Il giocatore biancazzurro chiude ringraziando tutti i tifosi per tutto quello che hanno fatto”. Di contro il tecnico biancazzurro potrà disporre sin dal primo minuto Salvatore Lo Bianco che ha pienamente recuperato e che domenica ha giocato quasi tutta la ripresa.

Intanto mister Renato Maggio interviene sulla partita di Sabato dicendo: “Noi andremo lì a giocarci la nostra partita. Faremo di tutto per passare in vantaggio già nel primo tempo per poi nei secondi 45 minuti giocarci il tutto per tutto. In ogni caso se non c’è la facciamo abbiamo vinto lo stesso il nostro campionato”.
La partita non sarà di scena domenica ma sabato 29 maggio alle ore 18.30 perchè a Cammarata domenica si svolgeranno le elezioni amministrative. I sostenitori vogliono seguire la loro squadra e nella nottata di venerdì una sessantina di tifosi riempiranno due pulmann con destinazione molisana sponda per Isernia. I giocatori, invece, partiranno venerdì mattina alle 08.00 per Isernia.

Sul fronte isernino va ricordato che ritornerà a giocare l’attaccante Rotunno dopo aver scontato un turno di squalifica. Per quanto riguarda un po’ di curiosità: l’amministrazione comunale di Isernia ha omaggiato i biglietti per l’ingresso della gara tra Real Isernia e Kamarat a studenti, pensionati e disoccupati della città che ne faranno richiesta. L’auspicio è quello di crederci fino alla fine perché, come dice il proverbio, la speranza è l’ultima a morire. Un grosso in bocca al lupo da parte della redazione di Magaze.it va al Kamarat affinchè possa centrare la qualificazione. E infine ad arbitrare la gara è stato scelto il sig. Alessio Chiavaroli della sezione di Pescara coadiuvato da Mauro Biase e Luca Colatriano di Pescara.

Giuseppe Varsalona