Kamarat: al “Salaci” prevale il Real Isernia

Kamarat: Pellitteri V., Bonito (75’Licari), Morreale (46’Lo Bianco), Canzoneri, Scrudato, Privitera, Azzarello (46’Santangelo), Panepinto, Portella, Di Piazza, Galluzzo. A disp.: Maggio, Di Leo, Pellitteri I., Lupo. All.: Renato Maggio

Real Isernia: Manfredonia, Esposito (84’Ricci), Verruti, Chisena, Vallefuoco, Vitiello, Sivilla (65’D’Ottavio), Cifani, Mangione (67’Tufo), Catalano, Nardolino. A disp.: Del Riccio,Onorato, Fraccola. All.: Silvio Di Prisco.

Marcatori: 46’Mangione (R), 53’Privitera (K), 57’Sivilla (R), 62’Santangelo (K), 64’Sivilla (R).

Arbitro: Bergonzini di Civitavecchia. Assistenti: Pace e Saia di Palermo.

Note: Espulso Privitera per il Kamarat. Grande presenza di pubblico sugli spalti, circa duecento tifosi di cui cento provenienti da Isernia.

CAMMARATA- Dopo quindici risultati utili consecutivi tra le mura amiche, il Kamarat esce sconfitto per 3-2 al termine di una gara emozionante e ricca di azioni gol. E’stata una partita corretta dentro e fuori lo stadio e dalle opposte tifoserie che hanno coronato una giornata all’insegna del divertimento e dello sport. Al Comunale dei Salaci di Cammarata si giocava il match della storia dove vedeva il Kamarat incontrare una squadra oltre i confini siciliani ed esattamente proveniente dalla regione Molise. Si registrava il pubblico delle grandi occasioni sugli spati, oltre duemila tifosi di cui cento provenienti da Isernia. Prima dell’inizio della gara , il sindaco di Cammarata Vito Diego Mangiapane consegnava delle targhe ricordo al capitano e al presidente della squadra molisana.

La prima occasione degna di nota si registrava al 7’ quando Panepinto ben servito da Portella concludeva al volo con palla che usciva fuori. Le due squadre si studiano a vicenda e non volevano di conseguenza farsi male. Al 14’, il Real Isernia rispondeva con Cifani ma senza impensierire più di tanto Pellitteri. Al 24’su una punizione di Vitello, Pellitteri parava facile. Al 25’, la squadra di mister Renato Maggio andava vicino al gol con Galluzzo. Dopo un minuto, Sivilla ben smarcato,  in area concludeva tra le braccia dell’estremo difensore biancazzurro. Le due squadre iniziavano a prendere coraggio e al 37’Nardolino concludeva malamente. Al 41’ il Kamarat aveva l’occasione per passare in vantaggio con Azzarelllo che dopo essersi accentrato in area mandava la palla sulla traversa. Per la squadra di casa sarebbe stata la svolta per un proseguo più roseo. L’ultima occasione del primo tempo capitava sui piedi di Privitera, ma lo stesso non riusciva a centrale la porta da buona posizione. Il primo tempo si concludeva sul nulla di fatto, il Kamarat provava a passare in vantaggio mentre gli isernini partivano sempre in contropiede.

Nella ripresa succedeva  l’apoteosi allo stadio dei “Salaci”. Dopo neanche un minuto di gioco, il Real Isernia si portava in vantaggio grazie ad una bellissima rete del giovane Mangione che batteva da fuori area Pellitteri. Al 49’, la sfortuna impediva ai padroni di casa di pareggiare infatti la traversa negava il gol a Gioacchino Privitera. Il Kamarat non demordeva e al 53’, Privitera riprovava un tiro a giro d’esterno dove il portiere non poteva far nulla, la palla infatti toccava prima la traversa e poi entrava docile docile alle spalle di Manfredonia. Il Kamarat era sulle ali dell’entusiasmo e Portella da buona posizione mandava la sfera alta. Ma quando meno te lo aspettavi, il Real Iserrnia ritornava in vantaggio con Sivilla. Azione sulla destra per l’accorrente Mangione, la sfera terminava sulla traversa ma sulla ribattuta, Sivilla era più lesto di tutti a mettere in rete. La squadra di casa non si demoralizzava e al 62’riusciva a trovare il gol grazie all’ex licatese Giuseppe Santangelo che metteva in rete a porta vuota dopo un assist al bacio di Panepinto. Dopo due minuti gli isernini si riportavano in vantaggio grazie a Sivilla che sugli sviluppi di una punizione indovinava l’angolo giusto dove Pellitteri non poteva fare niente. Al 66’l’arbitro non concedeva un penalty ai danni di Portella che veniva steso in area. Gli ospiti addormentavano letteralmente la gara cercando di portare a casa il massimo risultato. Negli ultimi minuti gara si registrava l’espulsione di Gioacchino Privitrera che si vedeva estrarre il rosso diretto. Brutta perdita per Kamarat. Gli ospiti riuscivano a difendersi e alla fine portavano a casa la vittoria che a nostro giudizio poteva starci. A fine gara, nonostante la sconfitta, erano scroscianti gli applausi dei sostenitori cammaratesi che hanno condito una bella giornata di sport. Adesso il Kamarat si concentra nella sfida che li vedrà in terra molisana esattamente a Isernia. Si spera nell’impresa ma non è detta mai l’ultima parola!

Giuseppe Varsalona

Servizio fotografico a cura di Gianpiero La Palerma e Annalisa Cannella