MUSSOMELI – A causa del maltempo dei giorni scorsi la sp38 “Mussomeli-San Cataldo”, restituita agli automobilisti lo scorso 7 settembre, ha mostrato in più tratti sversamenti di fanghiglia e crepe lungo manto stradale, provocando non poche polemiche tra i fruitori. Intervenuto per chiarire la situazione l’Assessore Provinciale alla Viabilità Calogero Salvaggio precisa: “Premetto che la situazione è stata subito monitorata dai funzionari del nostro Ufficio Tecnico, che mi hanno relazionato in merito. Dico subito che i lavori che la Provincia ha appaltato lungo la strada dove, ricordo, è stato tra l’altro rifatto un ponte, non sono ancora stati ultimati, anzi il maltempo di questi giorni è come se stesse ulteriormente collaudando quanto finora realizzato. Tra le opere di prossima effettuazione, infatti, sono comprese quelle a contenimento del lato monte dove si sono verificati gli sversamenti: qui c’è solo da conciliare l’esigenza di mantenere aperti gli accessi ai fondi privati (che sono proprio i punti da dove proviene la fanghiglia) con quella della realizzazione delle gabbionate di contenimento per risolvere definitivamente il problema”. E continua: “Per quanto riguarda la presenza di crepe nel nuovo tratto da noi realizzato che, ricordo, è stato aperto prima ancora dell’ultimazione dell’appalto proprio per evitare il protrarsi dei disagi per i tanti utenti, specie pendolari, che ne fruiscono da e per Mussomeli, i tecnici mi confermano trattarsi solo di un assestamento, la cui dinamica è assolutamente sotto controllo e che comunque è da considerarsi del tutto fisiologico, date anche le peculiari caratteristiche geologiche dell’area attraversata. Non ci sono, comunque, ripercussioni di sorta sul transito autoveicolare in detto tratto, e si attenderà giusto il tempo del definitivo assestamento per ripristinare il manto stradale interessato da parte dell’impresa appaltatrice, che rimuoverà nel frattempo il fango riversatosi”.