CASTELTERMINI – Continua il botta e risposta tra il M5S e la maggioranza del Consiglio Comunale di Casteltermini, riceviamo da Filippo Pellitteri e Luca Nobile una nota di risposta a Maria Pia Greco e Totò Scozzari. 

Prendiamo atto – scrivono Filippo Pellitteri e Luca Nobile del M5S di Casteltermini –  che i politicanti locali hanno un’idea stravagante del concetto di “offesa personale”. Sa sentinu pi ogni cosa! Avranno mica la coda di paglia? Siamo del parere che trasformano ogni critica in accusa al solo fine di poter utilizzare l’unico argomento di cui pare che siano portatori sani: quello, cioè della minaccia di agire “davanti alle sedi opportune” .
Certo è che normalmente chi non è in grado di accettare le critiche – peraltro espresse con i termini ricorrenti della politica quali “pupillo/a”, “staffetta”, o della satira “nulla cosmico”, ecc. – ha qualcosa da nascondere.
Se poi, oltre a non accettarle le usa come scusa per passare in proprio ad offendere, con termini diretti e volgari contro la controparte politica che le ha fatte, allora c’è qualcosa che non va.
Noi ci vediamo il chiaro intendimento di provare a zittire l’opposizione.
Ma non preoccupatevi, contrariamente al vostro sport preferito – i.e. la minaccia di “agire avanti alle sedi opportune” (stuffastivu cu sta sorfa!) – ci limitiamo a rispedire le offese al mittente.
A ben guardare – concludono Pellitteri e Nobile –  ciò che si percepisce è esclusivamente una paura matta del giudizio della gente per le grossolane manchevolezze di un esecutivo locale che pensa solo a scambiarsi poltrone senza dare dimostrazione di alcunché di fattivo e concreto per la comunità.